Bolognese (cane)

Bolognese
Desirée dell'Antica Storia da Chiesanova 1.jpg
Classificazione FCI – n. 196
Gruppo 9 Cani da compagnia
Sezione 1 Bichons e affini
Standard n. 196 del 27/11/1989 (en )
Nome originale Bolognese
Tipo Compagnia-Guardia Casa
Origine Bandiera dell'ItaliaItalia
Altezza al garrese Maschio 27-30 cm
Femmina 25-28 cm
Peso ideale Maschio 3-4 kg
Femmina 2.5-3.5 kg
Lista di razze canine

Il Bolognese è una delle 16 razze canine di origini italiane riconosciute dall’ENCI [1].

Fa parte della famiglia dei “Bichon” (in francese “bichon” indicava in generale i cani di piccola taglia a pelo lungo [2]) che comprende il Coton de Tuléar, il Bichon frisé, l’Havanese, il Löwchen e il Bolonka (razza simile al Bichon Frisé e non ancora riconosciuta dalla FCI) e, tra le razze italiane, il Maltese.

Indice

[modifica] Storia

È una razza di origine molto antica, nel 500 a.C. nel bacino del Mediterraneo, soprattutto grazie del commercio marittimo su navi greche e fenicie, erano diffusi piccoli cani bianchi, definiti da Aristotele “melitensi”. Al tempo dei Romani venivano molto apprezzati delle matrone come mostrano molte immagini su vasi, terrecotte e documenti scritti di Cicerone, Plinio il Vecchio e di Strabone.

A causa delle fonti rare e contraddittorie la popolarità di questa razza dal XI secolo in poi non è chiara. Si diffuse in Italia (non necessariamente da Bologna, un’altra possibile città di origine è Boulogne in Francia) e, intorno al 1200, fu adottata dalle corti italiane ed europee, che ne decretarono il successo.

Era una razza molto amata dalla nobiltà: la famiglia Gonzaga, la marchesa di Pompadour (la favorita di re Luigi XV) e Caterina di Russia ne possedevano degli esemplari. Cosimo III de’ Medici donò 8 di questi cani ai potenti di Bruxelles [3], Umberto di Savoia ne fece dono alla futura regina Maria Josè e il duca d’Este a Filippo II, che dichiarò “il Bolognese è quanto di più regale potesse offrirsi in dono a un imperatore”. Verso la fine del Seicento alcuni esemplari vennero portati alla corte del Re Sole e, nel 1700, giunsero in Russia dove furono, e sono ancora oggi, allevati con grande devozione.

Nel campo dell’arte, si conoscono varie rappresentazioni pittoriche del Rinascimento [4] accanto a nobildonne e dame di Bologna e Ferrara [3], tra cui un’opera di Pieter Brueguel esposta al Museo Nazionale di Napoli e in quadri di Tiziano, Goya, Watteau, Durer e Abraham Bosse. Il poeta burlesco, antiaccademico e antipreziosista francese Paul Scarron scrisse un romanzo dedicato al Bolognese della sorella [3].

Dopo la seconda guerra mondiale questo piccolo cane rischiò di scomparire in quanto, come simbolo della monarchia, veniva considerato con diffidenza; solo a metà del Novecento la razza è stata recuperata dagli allevatori italiani, soprattutto grazie all’allevamento di F.C. Casabella nel 1950 e a quello di M. Persichi nel 1970. [3]

[modifica] Descrizione

È un cane di piccola taglia di colore bianco candido. Si distingue dal Bichon Frisé perché il lungo pelo si solleva dal corpo terminando nelle punte a “fiammella” le quali, similmente alla lana, dopo il lavaggio possono tendere all’infeltrimento. Ha gli occhi molto scuri.

[modifica] Carattere

È un cagnolino docile, molto intelligente, affettuoso, allegro e vivace. La sua natura giocherellona e paziente lo rende adatto alle famiglie con bambini (ai quali va comunque insegnato a rispettare il cane e i suoi spazi), ma è anche un ottimo compagno per le persione anziane, essendo fisicamente meno impegnativo di altre razze, sebbene non sia affatto un cane “da poltrona” o “da borsetta”. Al contrario, è consigliabile educarlo a camminare al guinzaglio e abituarlo alla presenza di cani e persone, in modo da abituarlo alle situazioni più disparate, soprattutto se abita in città.

Molto recettivo e desideroso di compiacere è brillante nell’apprendimento, in grado di imparare con facilità comandi e giochi, ma proprio per lo stesso motivo è in grado di capire in fretta i “punti deboli” del proprietario, quindi va immediatamente ‘inquadrato’ in famiglia e educato e socializzato con cura, in modo che non cresca viziato o nevrotico. Da curare attentamente l’alimentazione, in quanto può diventare schizzinoso se il proprietario sostituisce il cibo ogni volta che sembra perdere interesse.

Essendo un cane piuttosto freddoloso è meglio tenerlo in casa che all’aperto, soprattutto perché ha bisogno di vivere a contatto con la sua famiglia umana, a cui sarà sempre molto attaccato, pur essendo un cane molto dosato, che non soffoca il padrone con continue richieste di affetto.

Grazie ad un udito particolarmente sviluppato è ottimo per la guardia in casa e, pur abbaiando di rado, si fa sentire se incontra estranei nel suo territorio (peraltro non tanto amati essendo molto diffidente).

[modifica] Sviluppo

Esistono ben pochi allevamenti di Bolognesi al di fuori dell’Italia e questo crea dei problemi per lo sviluppo ed il mantenimento della razza, dato anche che le poche migliaia di esemplari esistenti sono spesso consanguinee.

Un buon punto di riferimento per gli allevamenti più prestigiosi possono essere le pagine 86 e 87 di Argos Annual – I MIGLIORI ALLEVATORI ITALIANI – Annuale n 26 2012 – I cento indirizzi che contano per trovare il tuo cucciolo di razza.

[modifica] Standard

[modifica] Grande galleria immagini

[modifica] Altri progetti

[modifica] Note

  1. ^ http://www.enci.it/razze/index.php
  2. ^ Auguste Scheler, “Dictionnaire d’étymologie française d’après les résultats de la science moderne”, “bichon”
  3. ^ a b c d Piero Scanziani, “Enciclopedia del cane”, De Agostini, 1997. ISBN 8841542098, 9788841542095
  4. ^ A.A.V.V., “342 cani di razza”, Edizioni De Vecchi, 2011. ISBN 9788841276044
  5. ^ ENCI-Razze italiane: Standard del bolognese. URL consultato in data 15 agosto 2010.

[modifica] Bibliografia

  • Il mio cane. Tutte le razze, n. 15/2011, pag 28 – 9
  • Il mio cane. Tutte le razze, n.16/2012, pag 26 – 7
  • I Cani, Stefano Letard Trad. Dott. Alberto Peyrot Tavole a colori di Harald Wiberg Edizioni S.A.I.E. Torino 1965
  • Cani, “Dogs” Wendy Boorer, illustr. Doriene McQueen Collins – Avallardi Itascabili della natura 1985 – V Ediz. 1990
  • Un cane per tutti – come scegliere un guardiano, un cacciatore, un compagno. Piccoli Manuali Fabbri. Fabbri Editori. 1980 Milano. pg 116
  • Solo Cane – 58 razze da conoscere n1 Bimestrale Gennaio/Febbraio 2011 pg 15
  • Piccoli Amici Speciale i nostri amici animali n15 2009 trimestrale per Coton de Tulear pg 12
  • 342 cani di razza edizioni De Vecchi da pg 562 FCI 196 Gruppo 9 Bolognese
  • Cani a cura di V. Manferto De Fabians – testi di Vito Buono – cubebook edizioni white star 2007 (CONSULTAZIONE)
  • Enciclopedia del cane Piero Scanziani – I.G. De Agostini Novara – 1981 – pg 164
  • Argos Annual – I Migliori allevatori italiani – i cento indirizzi che contano per trovare il tuo cucciolo di razza – n 26 – 2012 – Sprea Editori Italy

[modifica] Collegamenti esterni

cani Portale Cani: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cani



This article uses material from the Wikipedia article Bolognese (cane), which is released under the Creative Commons Attribution-Share-Alike License 3.0.

Ricerche che hanno condotto qui:

π